Come scrivere una Follow-up mail

Come scrivere una Follow-up mail
Sei nel bel mezzo di una ricerca per trovare uno stage, compilazione di form, dati da inserire e mille altre richieste ti rubano la maggior parte del tempo. La ricerca del lavoro è, spesso, tempo perso e raramente redditizio. Per il bene della gestione del proprio tempo, bisogna puntare sulla qualità, prima che la quantità. È importante inviare richieste di lavoro personalizzate, ma non finisce lì! Dopo un colloquio, sarebbe bene ringraziare attraverso una follow-up mail; potrebbe addirittura essere quel qualcosa in più che vi permetterà di ottenere il lavoro dei vostri sogni. La chiave è nella gentilezza!  

La follow-up mail: Un pratica poco conosciuta

Se non usata correttamente, la follow-up mail può risultare come una formalità senza alcun successo degno di nota. Ma dopo questo articolo sarete assolutamente in grado di comprendere cosa vuole un datore di lavoro, e come riuscire a candidarvi facendo la differenza rispetto agli altri aspiranti!

Piccoli accorgimenti per casi particolari

Prima di andare avanti, vorremmo precisare che questo iter non è adatto per ogni settore o campo, perché ognuno ha un diverso approccio a seconda delle aspettative. Ad esempio, ci sono aziende che ricevono migliaia di curricula a cui nemmeno daranno uno sguardo, una follow-up mail potrebbe essere, a maggior ragione, ancora meno apprezzata e quindi ignorata. In casi come questo, in cui non abbiate ricevuto nessun riscontro, diciamo entro 15 giorni, è meglio lasciare perdere e andare avanti con la candidatura successiva. Ricordate che stiamo cercando di dare delle priorità. [Tweet "È importante precisare che una follow-up mail non è uguale ad una lettera di ringraziamento."] La tecnologia moderna ci permette di scegliere tra l'inviare una email o una vera e propria lettera via posta. A volte, inviare una lettera cartacea può sembrare una cosa d'altri tempi, ma molto dipende da dove e a cosa ci si sta candidando. Diciamo che, in genere, però, si preferisce spedire una mail dopo un colloquio per ringraziare l'azienda, piuttosto che una lettera via posta tradizionale, che impiegherà sicuramente più tempo ad arrivare, a volte, addirittura dopo la risposta dell'esito del colloquio. Quindi un'email fa risparmiare tempo e denaro, perciò segniamoci questa conclusione come uno dei punti fondamentali della nostra lista per amministrare in modo produttivo il nostro tempo. ✔️ Ad ogni modo, se pensate che scrivere non sia il vostro forte, avete sempre la possibilità di fare una chiamata!  

L'importanza di un grazie

  follow-up mail, lettera ringraziamento, candidatura, datore, selezionatore, lavoro, carriera, colloquio, reclutamento   Non è abbastanza scrivere 'La ringrazio Signor/Signora", ma di sicuro è un buon punto di partenza. Infatti, questo potrebbe mostrare ad un datore di lavoro che siete convinti e sinceramente interessati, ma solo se la vostra email lo è veramente! Inoltre, confermerà che avete completamente afferrato il tipo di lavoro per quale vi siete candidati, che cosa vi è richiesto, le vostre competenze in relazione alla mansione che andrete a svolgere, e, soprattutto, vi permetterà di provare ancora una volta che la vostra personalità calza perfettamente per quel lavoro. Nel momento in cui vi sedete per scrivere una follow-up mail, vi saranno venute in mente una serie di domande a cui non avevate pensato durante il colloquio, e questa potrebbe essere una buona occasione per porle. 8 volte su 10, infatti, le domande preparate prima di sostenere un colloquio sono esaudite da sole durante l'intervista (ad esempio, durante la presentazione dell'azienda da parte dei selezionatori), oppure non erano necessarie. Ponete domande semplici e dirette ed evitate comunque di dilungarvi troppo. Di norma un selezionatore spende per ogni CV un massimo di 6 secondi. Pensate quanti ne userà per una follow-up mail. In alcuni casi, un semplice grazie sarà invece più che apprezzato, e vi permetterà di capire come sta procedendo la vostra candidatura. Potresti anche chiedere un feedback del vostro colloquio, ma sempre in modo breve e gentile.

Cose semplici: uno stile brillante e conciso

follow-up mail, lettera ringraziamento, candidatura, datore, selezionatore, lavoro, carriera, colloquio, reclutamento Quando inviarla? Di norma, è consigliabile inviarla tra le 24 e le 48 ore successive al colloquio. Se dovete ancora scoprire se avete avuto accesso al secondo o terzo colloquio, sta a voi decidere le tempistiche. Molto dipende dal tempo che dista tra ogni fase, forse sarebbe meglio aspettare fino all'ultimo colloquio, perché, come si dice, "non dire gatto se non ce l'hai nel sacco"... A chi inviarla?  La tua priorità è inviarla direttamente alla persona con la quale hai sostenuto il colloquio. Nel caso fossero più persone bisogna mandarla ad ognuna di esse, perché non sai chi di loro prenderà la decisione finale. Non inviare un'email cumulativa, soprattutto con uno dei selezionatori messo per conoscenza. Assicuratevi che tutti abbiano ricevuto l'email separatamente, usando un oggetto diverso per ognuno, altrimenti potreste passare per una persona un po' pigra, mentre il nostro scopo è proprio quello di far vedere quanto siamo motivati e disposti a lavorare duramente.

Come porsi nei confronti dei selezionatori?

I selezionatori riusciranno perfettamente a capire chi siete, quindi anche nel caso di una follow-up mail cercate di essere il più veri. Vi hanno visti, hanno più o meno un'idea di voi, perciò meglio evitate di essere falsi o di esagerare con i complimenti e le gratificazioni. Restate semplici e, soprattutto, restate voi stessi! Vi suggeriamo di aggiungere un breve riassunto del vostro colloquio, affinché un selezionatore si ricordi esattamente chi siete. Non scrivete un poema, bastano giusto 10 righe. MOLTO IMPORTANTE: non fate spamming nella casella mail dell'azienda. Non c'è nulla di più fastidioso di un candidato che invia decine di emails dopo un solo colloquio. Una cosa del genere potrebbe davvero compromettere la vostra candidatura! Ricordate: se non ricevete una risposta nelle seguenti 2 settimane dal giorno in cui l'avete inviata, è il caso di alzare bandiera bianca e andare avanti con un'altra offerta di lavoro.

Il punto di vista di un selezionatore 

follow-up mail, lettera ringraziamento, candidatura, datore, selezionatore, lavoro, carriera, colloquio, reclutamento

Un piccolo sforzo ben ripagato 

Il file candidati non è propriamente una friendliest, e questo è sicuro. Tuttavia, questa non è una ragione per prendere tutte le email e scartarle. Se avete l'impressione che durante il colloquio ci sia stata un po' di tensione o che voi e il vostro futuro datore di lavoro siate due persone incompatibili; non girateci tanto intorno ed inviate una follow-up mail in cui ammette candidamente che non pensate di avere i requisiti giusti per il posto offerto, e chiudete augurando loro tutto il meglio per il futuro. Lasciateli con una buona immagine e, in questo modo, potrete focalizzare il vostro tempo su qualcosa che vi stimoli di più. Buttatevi alle spalle questo episodio, ci saranno molte altre occasioni!

L'impressione giusta

Non importa quello che qualcuno vi dirà, una follow-up mail sarà sempre in grado di aiutarvi, promuovere la vostra immagine professionale e magari ottenere il lavoro. I selezionatori avranno, in ogni caso, un'idea positiva di voi, quando riceveranno il feedback del colloquio; è bene, inoltre, lasciare di nuovo i vostri contatti alla fine dell'email. La speranza è quella di essere contattati direttamente per organizzare un nuovo incontro o comunicarvi l'assunzione.

Emanate vibrazioni positive

Se il vostro datore di lavoro durante il colloquio è stato poco chiaro riguardo certe domande che gli avete posto o non vi ha dato tutte le informazioni necessarie (tipo di contratto, ore di lavoro, indennità di viaggio e simili), la follow-up mail può essere proprio la giusta occasione per chiederle in modo da avere una chiara visione su cosa aspettarsi nel secondo colloquio. Per un'azienda start-up, per esempio, quando viene assunto un dipendente full-time, devono essere sicuri di potere fare affidamento su quella persona al 100%; una follow-up mail potrebbe essere il segnale positivo che stavano cercando per confermare la tua assunzione.

La formula magica segreta

follow-up mail, lettera ringraziamento, candidatura, datore, selezionatore, lavoro, carriera, colloquio, reclutamento Concludiamo con col darvi un esempio di come potrebbe essere una follow-up mail (cartacea o telematica) che potrebbe colpire i vostri selezionatori. Ovviamente non bisogna semplicemente copiarla, ma è necessario personalizzarla e renderla adatta alla vostra situazione (magari qualcosa di meno formale se l'invio è diretto ad un posto nel campo del marketing, affinché notino il tuo lato comunicativo)

Gentile Signor o Signora cognome,

Desidero ringraziarla per il tempo concessomi durante il colloquio tenuto il giorno data  per il posto da nome del lavoro In particolare ho avuto modo di apprezzare la confidenza che mi ha concesso e grazie alla quale mi è stato possibile sentirmi a mio agio dal primo momento in cui sono arrivato/a.

Posso dire di avere ben compreso il tipo di compiti che questo lavoro richiede:

  • mansione più importante
  • mansione 2
  • mansione 3, ecc.

Dopo avere letto la descrizione del lavoro le qualità necessarie (inserire la lista), sento che il colloquio mi ha maggiormente confermato di possedere quelle competenze da Voi richieste e che sarei, quindi, un ottimo/a candidato/a per questo posto. 

Sarebbe davvero entusiasmante per me entrare a far parte del Vostro team e potere contribuire al successo della nome dell'azienda.

Vi prego di non esitare nel contattarmi sul mio cellulare al numero inserire numero o al mio indirizzo email inserire indirizzo email per qualsiasi altra domanda o dubbio.

Spero di ricevere presto Vostre notizie.

Cordialmente

Firma, nome e cognome Signature, Name and Surname

Riepiloghiamo in pochi punti la formala magica per spiccare tra la massa: 

- Un sincero ringraziamento - Dimostrate che il vostro interesse e determinazione coincidono perfettamente col profilo ricercato - Assicuratevi di essere facilmente reperibile, inserendo i vostri contatti nel testo E voilà, avete terminato! La lista infinita di suggerimenti dati in questo articolo non è limitata solo alla follow-up mail. L'educazione e il rispetto possono sempre portare lontano e saranno ben visti da parte di qualsiasi azienda. Ad ogni modo, provate a mettervi nei panni di un selezionatore: riuscire a trovare il perfetto candidato, che abbia delle buone capacità relazionali, e che sappia adempiere alle mansioni richieste per quella posizione. Qui sotto vi lasciamo un grafico informativo, che vi aiuterà a capire l'importanza delle capacità relazionali durante tutto il procedimento di selezione. follow-up mail, lettera ringraziamento, candidatura, datore, selezionatore, lavoro, carriera, colloquio, reclutamento