Generazione #Erasmus - Prima di partire

Generazione #Erasmus - Prima di partire
Okay, la decisione è presa! Siete pronti a spiccare il volo, a lasciare il “nido”. Affronterete un periodo di studi all’estero con un'esperienza Erasmus. Ma siete sicuri di aver pensato proprio a tutto? Ecco  qualche semplice consiglio per non farvi trovare impreparati!

Da dove comincio?

La prima scelta che dovrete affrontare è il DOVE! Di solito le università possiedono convenzioni con un numero definito di facoltà straniere.  Nella lista delle offerte della vostra università, ci saranno le capitali, ma anche città di cui non conoscevate neanche l’esistenza. Tra le mete più gettonate degli ultimi anni ci sono la Spagna (e in particolare Andalusia), Barcellona, Berlino, Lisbona, Londra, Parigi. Non sempre però  vi verranno proposte mete turistiche popolate da milioni di abitanti. Non sapevo quasi nulla di Murcia, la meta del mio Erasmus, ma mi è bastata qualche ricerca veloce su google e sui blog per studenti, per capire che le città a misura d’uomo possono essere stimolanti quanto le capitali europee. E se le vostre ricerche non vi hanno convinto mettetevi in contatto con i tutor della vostra università: sono i professori che dovrebbero fornire informazioni utili agli studenti sui corsi, sul tipo di università, sui procedimenti burocratici da affrontare! erasmus, esperienza, estero, lingue, opportunità, carriera, lavoro, studenti, università, viaggiare, indipendenza, lingua

Paese che vai… affitto che trovi!

Se anche voi avete fatto domanda di borsa di studio ma vi state chiedendo come farete a sostenere le spese di vitto e alloggio di un paese di cui non sapete quasi nulla, ricordatevi di informarvi sul costo della vita PRIMA DI PARTIRE. Per evitare sgradevoli sorprese  una volta arrivati a destinazione sarebbe meglio scegliere una meta che va incontro alle vostre disponibilità economiche. Sono anche tanti gli studenti che svolgono qualche lavoretto nei week-end durante l’Erasmus. Ricordo che anche a Murcia diversi bar e pub frequentati da studenti ricercavano personale stagionale, dando la possibilità a numerosi studenti stranieri di “arrontondare”.

Do you speak, what?

Conoscere già  la lingua è utilissimo, ma non è obbligatorio! Sia prima che durante l’Erasmus potrete seguire dei corsi intensivi gestiti dalle università ospitanti che vi aiuteranno ad ambientarvi. Alcune università richiedono un livello minimo per poter fare domanda, quindi organizzatevi  in tempo e occhio alle scadenze! Se siete disperati un buon inizio potrebbe essere quello di contattare i vostri futuri coinquilini (che saranno ovviamente delle parti più disparate del pianeta) cominciando con delle conversazioni, con video chiamate su skype o con dei messaggi vocali su whatsapp, sono piccoli passi ma importanti! erasmus, esperienza, estero, lingue, opportunità, carriera, lavoro, studenti, università, viaggiare, indipendenza, lingua

Cercare casa

La meta è scelta, le pratiche sono state avviate, e ora? Se riuscite a contattare qualcuno che ha già studiato nella città scelta potrete avere informazioni pratiche sui tipi di alloggi, residenze universitarie, convenzioni, affitti. Ci sono inoltre siti affidabili con annunci rivolti agli studenti, tra i tanti: www.idealista.com  www.erasmusu.com Ma non mancano anche gruppi Facebook, con annunci gestiti direttamente dai proprietari o dagli studenti che cercano coinquilini. Prima di prendere accordi chiedete sempre foto recenti, informazioni dettagliate sull'appartamento, presenza di connessione internet, età dei coinquilini,  l'indirizzo esatto della vostra futura abitazione, la vicinanza a università, mezzi, supermercati e locali. Difficilmente vi sposterete in auto! Se preferite, potrete scegliere gli annunci direttamente in università tra i tanti che troverete affissi in bacheca, una volta arrivati! erasmus, esperienza, estero, lingue, opportunità, carriera, lavoro, studenti, università, viaggiare, indipendenza, lingua, coinquilini

Non solo Università

Ricordate che l'Erasmus può essere un buon trampolino di lancio per occasioni future! Alla fine della vostra esperienza potreste scegliere di prolungare la permanenza o addirittura ricercare delle offerte di lavoro o di stage. È importante quindi trovare una destinazione che possa garantire delle buone possibilità e/o convenzioni per tirocini all'estero. Ogni anno sono tantissimi gli studenti che ritornano nella città del proprio Erasmus per continuare gli studi o per iniziare delle attività lavorative reali. Un'altra possibilità è quella di lavorare per un intero anno accademico come assistente della vostra lingua madre nell'università ospitante. Sui siti delle università straniere infatti vengono pubblicati i bandi di selezione per queste collaborazioni di anno in anno. È una esperienza in più sul CV e vi consente di acquisire maggiore responsabilità. erasmus, esperienza, estero, lingue, opportunità, carriera, lavoro, studenti, università, viaggiare, indipendenza, lingua, lavoro

Cos'e è il Learning Agreement?

Se conoscete qualcuno che è già stato in Erasmus o state per avventurarvi in questa giungla burocratica non potete evitare questo doloroso ma necessario passaggio. È probabilmente il documento più importante tra tutti e rappresenta il "contratto" che stabilisce i crediti e gli esami nello specifico che andrete a sostenere. Nessuno potrà consigliarvi meglio se non i colleghi che hanno già frequentato l'università! Niente paura, potrete modificarlo una volta arrivati e potrete confrontarvi con il vostro tutor dell'università ospitante. Pronti? Buon Erasmus a tutti!