Laureata in farmacia e bookblogger, Anna racconta il suo quotidiano di "Giovane Reader"

Laureata in farmacia e bookblogger, Anna racconta il suo quotidiano di "Giovane Reader"
Ad alcune persone piace condividere la propria passione, tramite un blog, un sito internet, una pagina Facebook o qualsiasi altro canale di comunicazione che gli aiuti a far conoscere il loro quotidiano. Anna, studentessa in farmacia e appassionata di letture fin dalla nascita, ha scelto di condividere la sua passione tramite un blog, all'inizio un po' per caso, senza sapere che questo blog diventerebbe un luogo quotidiano dove esprimersi e seguito da più di 4.000 persone! Incontro con una giovane reader! 

Ciao Anna! Potresti prima di tutto parlarci del tuo percorso?

Ciao Charlotte e ciao lettori! Prima di tutto permettimi di ringraziarti per questa bellissima opportunità. È la prima volta che mi trovo dall’altra parte della ‘barricata’, nel senso che fino ad ora sono stata io a condurre interviste e mai il contrario per cui questa esperienza è emozionante. Sì, direi che emozionante è l’aggettivo giusto.

Figurati, è un piacere averti qui con noi :)

Parlando del mio percorso universitario, invece, ho conseguito una laurea magistrale a ciclo unico in Farmacia presso l’Università degli studi di Bari “Aldo Moro”, con tesi sperimentale nel laboratorio di Tecnologia, Socioeconomia e Legislazione farmaceutica.

Un percorso notevole! Oggi sei l’autore del blog “Appunti di una giovane reader”, hai sempre voluto creare un blog sulle tue letture? Come ti è venuta la decisione di lanciarti? Cosa ti ha convinto?

In realtà non avevo mai pensato di aprire un blog. Fino a qualche mese fa il mondo dei blogger mi era totalmente sconosciuto in quanto non ero un’assidua frequentatrice. “Appunti di una giovane reader” è nato prima come pagina Facebook, tutt’ora presente, e solo in un secondo momento ho pensato di affiancare l’omonimo blog. Devo ammettere che in questa avventura mi ci hanno spinto, non a forza perché credo che l’idea fosse presente da qualche parte nella mia mente, ma i miei amici e mio fratello sono stati coloro che mi hanno dato la dritta giusta, che mi hanno invogliata ad esprimere pensieri sulle mie letture con un pubblico più vasto. appunti giovane reader, studentessa, letteratura, libri, leggere, lettura, blog, blogger

Hai un’attività in più al di fuori del tuo blog?

Al momento no, non lavoro. Tuttavia sono in attesa di responsi concorsuali e queste cose, è risaputo, vanno per le lunghe.

Cosa ti piace di più nella lettura/ letteratura?

Domanda interessante! Credo che per ogni lettore la lettura assuma un significato diverso a seconda di quelle che sono le sfumature del proprio carattere. Per me rappresenta diverse cose: un modo per vivere le storie di altre persone, dei protagonisti dei romanzi che leggo; un modo per evadere quando si vuole staccare la spina; un diverso modo di conoscere, soprattutto quando si raccontano storie vere.

Qual è il tuo libro preferito o i tuoi libri preferiti (domanda molto difficile, lo so ;) ) ?

Questa è la classica domanda che manda in tilt un lettore e devo ammettere che è successo anche a me, molte volte. La difficoltà risiede nel fatto che tutte quelle letture che segnano noi lettori possono essere definite speciali, perché ognuna lascia in noi qualcosa di diverso. Scegliere uno o più libri preferiti è davvero difficile però mi tocca farlo per rispondere alla tua domanda. A questo proposito sceglierei senza ombra di dubbio: “Orgoglio e Pregiudizio” di Jane Austen, “La verità di Corrag” di Susan Fletcher, “Oceano Mare” di Alessandro Baricco e “La tentazione di essere felici” di Lorenzo Marone. appunti giovane reader, studentessa, letteratura, libri, leggere, lettura, blog, blogger

Sono degli ottimi libri, confermo anch'io :) Com’è nata la tua carriera passione per la lettura?

La mia passione per la lettura credo che sia nata con me, pensa che da bambina mi piaceva mangiucchiare carta e quindi i miei genitori erano costretti a requisire qualsiasi tipo di rivista/libro che girava per casa. Alle elementari ero una delle poche bambine che acquistava, per poche lire, i libri che alcune associazioni vendevano all’uscita da scuola. Ecco io leggo da quando ne ho memoria, in modi diversi con l’avanzare dell’età, ma è comunque un richiamo al quale non so resistere. appunti giovane reader, studentessa, letteratura, libri, leggere, lettura, blog, blogger

Pensi che i libri abbiano ancora un posto in una società dove la tecnologia e la digitalizzazione sono sempre più presenti?

Io credo che i libri ancora, e soprattutto oggi, abbiano un ruolo preponderante. La sensazione che si prova nel tenere un cartaceo tra le mani, nello sfogliare le pagine è un qualcosa che non potrà mai essere sostituito, men che meno dalla digitalizzazione. Io personalmente, per forza di cose, mi sono “convertita” all’e-reader solo nell’ultimo periodo anche se non c’è nessun paragone con il classico libro sul comodino.

Più tardi vorresti continuare a lavorare nel settore dei libri e della letteratura?

Diciamo che questa avventura è iniziata quasi per caso e tutte le cose che nascono in questa maniera riservano sempre qualcosa di inaspettato. Sono pronta all’evenienza che ciò possa riguardare anche il mio futuro per cui vedremo come andrà! appunti giovane reader, studentessa, letteratura, libri, leggere, lettura, blog, blogger

Si, vedrai, il tutto è fare quello che ti piace :) Quali consigli daresti ai giovani che vorrebbero lanciarsi nella tua stessa via?

L’unico consiglio che mi sento di dare, basandomi proprio sulla mia esperienza, è quello di provarci sempre. All’inizio non sarà tutto rose e fiori sia chiaro, ci si sente un po’ incapaci almeno fino a quando non si trova il giusto equilibrio. L’importante, come in ogni cosa, è essere onesti con i propri lettori, soprattutto quando si esprimono pareri, ed essere se stessi sempre. Una qualità che ripaga senza ombra di dubbio.

Hai perfettamente ragione! Qual è l’articolo di cui sei più fiera?

Io spero sempre che l’articolo che mi renderà fiera debba ancora scriverlo. La considero un incentivo a fare sempre meglio. Tuttavia, se dovessi scegliere tra quelli scritti fino ad ora direi sicuramente la recensione di “Terapia di coppia per amanti” di Diego De Silva. È uno di quei casi in cui le parole sono fluite da sole senza intoppi e senza troppi pensieri.

Quali sono i tuoi obiettivi per il futuro? Le prossime tappe per sviluppare la tua carriera?

Uno degli obiettivi futuri sarà sicuramente quello di continuare sul sentiero che pian piano sto tracciando. Essere una “giovane reader” è una caratteristica che fa parte della mia vita, un’appendice di Anna. Magari negli anni non sarò più tanto giovane ma per ora l’aggettivo posso ancora utilizzarlo :D Negli ultimi mesi stanno nascendo tante bellissime collaborazioni con il mondo dell’editoria e con colleghe bookblogger che ho conosciuto grazie a questa esperienza. Incrocio le dita e spero che vada sempre meglio! appunti giovane reader, studentessa, letteratura, libri, leggere, lettura, blog, blogger

Le incrociamo anche noi ;) Il tuo sogno?

I sogni sono sempre tanti e tutti diversi tra loro. Se dovessi scegliere quello strettamente legato all’ambito letterario direi sicuramente riuscire a mettere ordine a tutte le idee e le storie che mi frullano nella testa, buttarle giù, finalmente, per dare loro un senso. Vi starete chiedendo se intendo scrivere? Mai dire mai, però credo fermamente che gli scrittori, prima di definirsi tali, debbano essere dei buoni lettori e forse sto percorrendo la giusta strada! Grazie Anna per averci condiviso la tua esperienza e per averci fatto conoscere il tuo blog: Appunti di una giovane reader E voi, quale libro state leggendo in questo momento? Vi è piaciuta l'intervista di Anna? Ditecelo nei commenti e ritrovate tutte le letture di Anna e il suo bellissimo universo letterario sul suo blog e sulla sua pagina Facebook!  giovani imprenditori, progetto, social network professionale, studenti, giovani laureati