Organizza il tuo evento grazie a Splitit, il portale per creare delle collette digitali!

Organizza il tuo evento grazie a Splitit, il portale per creare delle collette digitali!

Buongiorno Giulia. Prima di tutto, puoi parlarci del tuo percorso?

Da piccola sognavo di fare la giornalista ma col tempo ho capito che avrei potuto trasformare la mia passione in qualcosa di più dedicandomi alla scrittura sul web e alla gestione professionale dei social media, così ho studiato Scienze della Comunicazione a Catania e successivamente mi sono specializzata in Comunicazione della cultura e dello spettacolo. Non appena ho concluso il mio percorso di studi ho iniziato subito a lavorare per un’agenzia di web marketing e adesso lavoro per Splitit.

Splitit, startup, progetto, blog, giovani, imprenditori, economia, finanziamento, progetti, impresa,

Cos’è Splitit? E come funziona?

Splitit è un portale che permette agli utenti di creare delle collette digitali per qualsiasi evento: matrimonio, laurea, nascita, torneo sportivo, cene e viaggi di gruppo e raccolte fondi anche a scopo sociale. Il servizio permette all’utente di creare in pochissimi secondi una pagina web personalizzata dell’evento nella quale gli invitati/partecipanti possono versare la propria quota e interagire attivamente nella pagina con contenuti multimediali (post, immagini, video).

Chiunque può creare una lista? E chiunque può partecipare?

Sì, l’organizzatore può creare la colletta online per se stesso (il proprio compleanno o la lista nozze) o per un amico e decidere se renderla pubblica o privata. Con l’opzione “colletta pubblica” il link della pagina web creata può essere condiviso su qualsiasi social (Facebook,twitter, WhatsApp) e chiunque può partecipare. Con l’opzione colletta privata gli amici possono essere invitati direttamente dal portale tramite sms o email.

Splitit, startup, progetto, blog, giovani, imprenditori, economia, finanziamento, progetti, impresa,

Quali sono i vantaggi a usare Splitit?

Il risparmio di tempo e di stress inutili. Spesso capita che chi deve raccogliere le quote per un regalo, per esempio, perde molto tempo a rincorrere gli amici e a trovare il regalo giusto. Invece, con Splitit si può versare la propria quota regalo con un semplice click e il festeggiato può prelevare la somma raccolta non appena viene chiusa la colletta.

Inoltre puoi decidere liberamente come impiegare il denaro raccolto, organizzarti il viaggio di nozze in autonomia senza passare da un’agenzia di viaggi che spesso si prende commissioni troppo elevate per far qualcosa di semplice.

Puoi avere una pagina dell’evento per interagire con gli ospiti, che potranno vedere tutto nel dettaglio e potranno interagire comodamente dal proprio smartphone lasciando un messaggio di auguri o magari una domanda specifica sull’evento.

Ci poniamo pure l’obiettivo di dar voce alle raccolte fondi a scopo benefico oppure per quei motivi che riteniamo meritevoli, ad es. le nazionali di uno sport minore (touch) vogliono partecipare all’Europeo e non hanno abbastanza soldi per farlo, noi, oltre a fornire il servizio stiamo divulgando la notizia attraverso il nostro magazine e i nostri social.

Com’è nata questa idea?

Il primo input arriva in Australia circa tre anni fa, precisamente a Sydney. Carlo Graziano (il nostro founder) era li da circa 2 anni e spesso, insieme a un amico, veniva incaricato dal nostro presidente della squadra di pallanuoto di raccogliere le quote per gli eventi e le cene a scopo benefico molto usati in Australia. La cena in questione, chiamata “Red Ball” prevedeva la bellezza di centoventi invitati e la quota di partecipazione era 70 $.  Odiava parlare al telefono in inglese e per chiedere soldi, non amava neppure la responsabilità di raccogliere oltre 8000 $ in contanti da portare al Presidente. Fu proprio in quel momento che pensò – E se tutto ciò si potesse fare tramite smartphone o PC? sarebbe più comodo e funzionale per tutti – Da quel momento l’idea si è evoluta fino a diventare quello che Splitit è oggi.

Splitit, startup, progetto, blog, giovani, imprenditori, economia, finanziamento, progetti, impresa,

Lavorare in questo settore è sempre stato il tuo obiettivo professionale?

Credo che lavorare all’interno di una startup sia molto stimolante perché l’ambiente è giovane e dinamico e poi un fattore da non escludere è che faccio quello per cui ho studiato e imparo sempre nuove cose.

Di cosa ti occupi nel tuo lavoro?

Community e social media management, customer care, digital PR e marketing strategico per la promozione di Splitit.

Secondo te, oggi gli eventi si faranno sempre di più con liste virtuali?

Oggi, è impensabile dover ricorrere agli antiquati regali in busta o colletta a mano, anti-estetici e superati. Il metodo Splitit è molto più semplice, raccogliere le quote per un evento in un portale sicuro è il futuro, d’altronde, sempre di più utilizziamo le carte per fare acquisti online, quindi, perché non utilizzare Splitit?

Hai perfettamente ragione e penso sia un sistema che si svilupperà sempre di più! Qual è il vostro business modello? È un’offerta unicamente BtoC o lavorate anche con delle aziende?

Le commissioni di Splitit sono solo l’1% degli importi versati, si può decidere se accollarsele oppure se farle pagare direttamente agli ospiti. Tengo a sottolineare che sono le più basse sul mercato, a fronte di un servizio che finora è piaciuto a tutti.

La nostra è un’offerta chiaramente BtoC ma non mancano le collaborazioni con aziende, wedding planner e professionisti del settore eventi per la promozione e l’utilizzo del nostro servizio, ad es Etnawalk utilizza Splitit per raccogliere le iscrizioni per le escursioni sull’Etna.

Splitit, startup, progetto, blog, giovani, imprenditori, economia, finanziamento, progetti, impresa,

Tornando alla startup, di quante persone è composto il team? Siete sul punto di crescere ?

Il team è composto da 9 persone: Carlo, il CEO & Founder, Santo e Noemi (programmatore e grafica), io che mi occupo delle digital strategy, Ornella Account manager, Diana e Antonella blogger, Marika Laurelli e Simona Rossi, rispettivamente travel e wedding blogger.

Splitit ha più di 10k followers su Facebook. Secondo te, a cosa dovete questo successo?

Il fatto che abbiamo un magazine molto aggiornato su temi attinenti al nostro servizio come wedding, università, nascite, viaggi e lifestyle piace molto ai nostri follower, quindi, credo che gran parte del successo sui social sia dovuto proprio a questo.

Aiutano molto a creare engagement anche le condivisioni delle Raccolte fondi sui nostri profili.

Qual è il target di Splitit?

Ragazzi e ragazze dinamici, abituati a utilizzare la tecnologia ma anche adulti e over 50 perché creare una colletta su Splitit è davvero semplicissimo, a prova di nonna.

Splitit, startup, progetto, blog, giovani, imprenditori, economia, finanziamento, progetti, impresa,

Che riscontri avete del progetto? Globalmente, piace al target?

Fino a questo momento non abbiamo avuto pareri negativi, chi ha testato il servizio l’ha trovato comodo e sicuro, ma soprattutto veloce e semplice. Inoltre, se dovessero sorgere problemi abbiamo una chat online attiva 6 giorni su 7 e un servizio clienti molto attento e scrupoloso.

Come vi distinguete dagli eventuali concorrenti? 

Splitit favorisce la velocità e semplicità in tutti i sensi, sia per quanto riguarda le transazioni bancarie sia nella creazione effettiva della colletta, bastano pochi secondi per mettere online la pagina web del proprio evento e il gioco è fatto. Inoltre, si semplifica anche il processo di chi versa occasionalmente, dato che non è obbligatoria la registrazione al sito. Mentre altri sistemi o portali sono molto più strutturati e complicati, Splitit è molto pratico e veloce.

Inoltre ci distinguiamo fornendo un assistenza clienti super rapida, sia in chat che tramite email, ma soprattutto accompagnando passo dopo passo il cliente come creare una colletta digitale coinvolgente per il pubblico.

Quali sono gli obiettivi per il futuro? Le prossime tappe per sviluppare la start-up?

Un’app mobile per rendere il processo ancora più veloce e immediato e un plugin da implementare nei siti di e-commerce, ma su questo non possiamo ancora svelare molto :)

Infine, quali sono i tuoi consigli per i giovani che vorrebbero realizzare i loro progetti ?

Di mettersi in gioco di sbracciarsi e di lavorare sodo per raggiungere i propri progetti, e perché no anche di chiedere aiuto attraverso una raccolta fondi.  Ma prima di fare tutto ciò è necessario avere le idee chiare, anzi chiarissime, perché più ci si specializza in un settore meglio è ai fini lavorativi.

Grazie Giulia per questi consigli e per averci fatto conoscere Splitit, la piattaforma che permette di creare collette digitali per qualsiasi evento! 

E se volete condividere anche voi il vostro progetto o la vostra startup, non esitate a contattarci o a commentare l'articolo :) 

giovani imprenditori, progetto, social network professionale, studenti, giovani laureati