Perché il nuovo lavoro si ottiene "in corsa"?

Perché il nuovo lavoro si ottiene "in corsa"?

Scopri quale pericolo si annida nel tuo attuale lavoro, sfrutta l’occasione e agisci in 5 passi per correre verso la tua carriera e il tuo nuovo lavoro. 

Ci hai messo tanto per trovare lavoro ma alla fine ce l’hai fatta! Certo un contratto temporaneo non era quello che sognavi, ma meglio che nulla. La tua esperienza inizia ricevendo tutti quei compiti che nessun altro avrebbe accettato ma a te va bene così. Vuoi crescere e ti hanno detto che questo è il modo migliore per farlo. Passa il tempo e delle tue quotidiane attività ormai sai proprio tutto mentre di progetti che ti fanno crescere non ne vedi proprio. Chiedi allora che ti assegnino compiti più importanti ma ti rispondono di avere pazienza. lavoro, ricerca di lavoro, colloquio, selezionatore, datore, azienda

Sei uno dei tanti di cui si può fare facilmente a meno

Ormai sono mesi che attendi ma di opportunità di crescita nessuna traccia. Comincia a pesarti questa situazione e quando per l’ennesima volta ti affidano il solito e noioso compito, inizi a chiederti perché hanno scelto te.

“Questi compiti sono troppo semplici, potrebbe svolgerli chiunque!”

Mentre pronunci mentalmente la parola “chiunque” capisci allora la vera situazione in cui ti trovi. Sei considerato un collaboratore temporaneo a cui si possono affidare solo compiti che in qualsiasi momento possono essere spostati a qualcun altro. Cerchi allora di capire se e come continuerà la tua relazione professionale con l’azienda. Da quello che capisci però di migliorare la situazione non sembra proprio che ci sia la possibilità. Sarà triste informare quelle persone attorno a te che ormai ti vedevano sulla “giusta strada” ed a cui dovrai spiegare che tu ce l’hai messa tutta ma che (forse) quello non era il posto giusto per te. Vedi che il termine di questa tua esperienza lavorativa è sempre più vicino per cui ricominci a cercare un nuovo lavoro. Questa volta con un po’ più di esperienza ma molta meno fiducia nel futuro. lavoro, ricerca di lavoro, colloquio, selezionatore, datore, azienda Sapevi che il concetto del posto fisso ormai era solo è un ricordo ma avevi lo stesso iniziato a pianificare qualcosa di meglio per la tua vita potendo contare su una buona occupazione e un reddito. Ora inizi a dubitarne.

Come sfruttare il tuo attuale impiego per trovare un nuovo lavoro (prima che sia tardi)

La tua credibilità è il requisito fondamentale affinché tu possa essere scelto da un (buon) datore di lavoro. Il modo migliore per costruirla è il caso di successo ovvero un’attività a cui tu hai partecipato e che ha prodotto buoni e misurabili risultati. Questo ti permetterà di creare un Colloquio Diretto con il datore di lavoro in quanto agirai sull’unica cosa che veramente gli sta a cuore: il risultato.

Ma cosa succede se ti trovi in una situazione dove sei difficilmente coinvolto in attività che possono a loro volta diventare un caso di successo da presentare al prossimo datore di lavoro? Mentre stai ancora collaborando con l’attuale azienda, devi creare i presupposti affinché nasca l’esigenza di iniziare una specifica attività di cui tu sei la persona migliore per occuparsene e tratta qualcosa che potrebbe interessare molto un prossimo datore di lavoro. Nelle aziende spesso succede che si decida una nuova attività solo quando c’è un problema urgente da risolvere. La strategia che devi seguire, si basa sul focalizzarsi sui bisogni delle persone prima ancora che essi diventino delle richieste esplicite. Questo ti permetterà di avere il tempo di prepararti, scegliere con cura quali attività avviare e creare delle condizioni in cui sarai considerato necessario al loro sviluppo.

Queste sono le fasi che devi seguire:

1 - Identificare l’ambiente collaborativo.

Devi identificare le persone che possono ottenere sia un vantaggio dall’attività che hai scelto sia il potere di appoggiarla.

2 - Capire i reali bisogni delle persone.

Dopo aver capito chi sono le persone che ti possono aiutare, devi fare leva sulle loro motivazioni personali in maniera che ti aiutino a convincere l’azienda a procedere con l’attività che desideri. Per far questo devi agire sui principali attivatori emozionali su cui si basa la maggior parte delle scelte delle persone come:

♦ Riconoscimento e stima.

♦ Comodità e praticità.

3 - Confezionare il pacchetto e ottenere la collaborazione.

Devi acquisire tutte le informazioni che ti saranno necessarie prima, durante e dopo l’attività. Raccogli informazioni specifiche, sviluppa un piano e preparati all’azione.

4 - Esporre il problema e presentare la soluzione.

Devi presentare il “pacchetto completo” ovvero una soluzione che soddisfi tutte le necessità dell’azienda e delle persone che parteciperanno all’attività. Metti giù una buona presentazione i cui punti sono qui elencati.

♦ Esiste un problema.

♦ Come si manifesta e con quali conseguenze.

♦ In che modo puoi risolverlo.

♦ Perché sei la persona migliore per risolverlo.

♦ Situazione dopo la fine dell’attività.

5 - Documentare il tuo caso di successo.

Prendi nota della situazione precedente all’attività in maniera da poter poi quantificare l’effettivo risultato ad attività terminata. Questi dati saranno quelli che daranno corpo alla descrizione del tuo caso di successo.

La sintesi di questo articolo

Ogni volta che trovi un'occupazione devi tenere presente che probabilmente sarà solo temporanea e terminerà prima che tu abbia tempo di trovare un’altra. Fin dal primo giorno devi quindi impostare la tua professione in maniera da raccogliere quegli elementi che ti permetteranno in futuro di trovare il prossimo lavoro, il prossimo e il prossimo ancora.   A questo punto devi comunicare efficacemente in maniera da creare un Colloquio Diretto con il nuovo datore di lavoro. giovani imprenditori, progetto, social network professionale, studenti, giovani laureati