RoomUp, la community di ragazzi in cerca di una stanza, di esperienze e di grandi amicizie

RoomUp, la community di ragazzi in cerca di una stanza, di esperienze e di grandi amicizie
Andare a vivere da soli è la prima grande esperienza nella vita di uno studente o di un giovane laureato. Dove andare a vivere? E con chi? A che prezzo? È meglio vivere da soli o con altre persone? Tutte queste domande sono importanti e meritano un momento di riflessione, prima d'imbarcarsi nell'avventura. Per aiutarvi a prendere la decisione giusta, abbiamo chiesto il punto di vista e i consigli di Carlo Luna, uno dei founder di RoomUp.com, la community che aiuta i ragazzi a trovare un alloggio.  Ciao Carlo! Prima di tutto, puoi parlarci del tuo lavoro a RoomUp Community? Io sono uno dei founder di RoomUp.com. Mi occupo prevalentemente  della gestione finanziaria, degli accordi con le altre società o siti partner e coordino tutte le attività di RoomUp, sia lato programmazione che per quanto riguarda la comunicazione e il marketing. RoomUp, vivere da soli, appartamento, giovani, studenti, professionisti, startup Molto interessante! Puoi parlarci di RoomUp? Che cos'è e come funziona? RoomUp.com è una giovane startup web nata ufficialmente nel 2014 con l’intento di aiutare tutti i ragazzi e ragazze che per motivi di studio o di lavoro scelgono di andare a vivere per un periodo in una località diversa dalla propria città di origine. E che spesso devono fare i conti con due problematiche principali : la prima è sicuramente l’elevato costo complessivo di una scelta di questo tipo,  l’altro la mancanza di una rete sociale che possa essere di riferimento e di aiuto per chi decide di intraprendere questa piccola avventura. Per questo abbiamo deciso di mettere al centro del nostro progetto quella che riteniamo essere la decisione più difficile e la più dispendiosa da affrontare, cioè la scelta di dove e con chi andare a vivere. RoomUp, vivere da soli, appartamento, giovani, studenti, professionisti, startup Cosa ti ha convinto a creare questa piattaforma? Com’è nata questa idea? Anche io come tanti ragazzi, ho dovuto affrontare le difficoltà che si incontrano quando si decide di andare a vivere lontano dalla casa dei propri genitori. Già nel 2003 infatti, mi ritrovai nelle circostanze di cercare un alloggio poco costoso dove vivere e all’epoca non c’erano tanti siti dove trovare questo tipo di alloggi, anzi spesso ci si arrivava tramite passa parola o per conoscenza o tramite qualche volantino affisso nelle bacheche universitarie, molte volte però le soluzioni proposte si rivelavano piuttosto deludenti. Così insieme a un amica decidemmo di prendere un appartamento molto grande nel pieno centro di Roma e di dividere l’affitto con altri ragazzi come noi. La cosa divertente è che oggi quello stesso appartamento è la sede ufficiale di RoomUp.com. Ma credo che fu dopo la mia esperienza di vita a Mancherster, che osservando la vita dei tanti giovani che frequentavano l’università, decisi insieme a un amico di creare un portale che potesse essere un punto di riferimento in questo senso. [Tweet "Al centro del nostro progetto c'è la scelta di dove e con chi andare a vivere. "] E hai avuto un'ottima idea! Hai sempre voluto lavorare nel settore immobiliare? T’interessi a questo settore in particolare, e perché? La verità è che io non mi sento di lavorare nel settore immobiliare, anche se poi di fatto è così. Penso piuttosto di lavorare per fare in modo che si creino delle comunità di giovani che hanno come comune denominatore la ricerca di una casa dove vivere, e che spesso si ritrovano ad affrontare gli stessi problemi e ad avere le stesse necessità. Per questo RoomUp non vuole essere solo un portale di annunci immobiliari, ma piuttosto una Community  di ragazzi incentrata sul concetto di condivisione che a partire da un luogo fisico, come ad esempio  la casa, poi diventa di fatto di esperienze, di interessi, e perché no, anche di grandi amicizie. RoomUp, vivere da soli, appartamento, giovani, studenti, professionisti, startup Speriamo lo diventi, perché è proprio un'ottima iniziativa :) Qual è la differenza tra RoomUp e i suoi eventuali concorrenti? Che cosa ha di speciale? Per prima cosa abbiamo voluto abbattere tutte le barriere di contatto tra utenti, consentendo a tutti di poter interagire liberamente. Poi, visto che pensiamo che le persone con cui si sceglie di andare a vivere siano importanti tanto quanto le caratteristiche o il prezzo di una stanza, abbiamo fatto in modo che tutti gli utenti che si registrano tramite Facebook abbiano un link alla loro pagina personale, così da consentire agli altri utenti di farsi un’idea della persona con cui andranno a vivere o che offre la stanza, oltre che di poter entrare in contatto utilizzando un canale esterno a RoomUp. Oltre a questo abbiamo anche inserito dei tools di Matching e di Allerting per facilitare la ricerca della propria stanza o coinquilino ideale, basandoci sulle caratteristiche in comune tra utenti. Queste sono solo alcune delle novità di RoomUp.com, e presto ce ne saranno ancora molte altre. Non vedo l'ora di vederle :) Qual è il target di RoomUp? Il target di RoomUp è prevalentemente composto da ragazzi e ragazze compresi in una fascia di età tra i 18 ai 35 anni. Studenti Universitari o giovani professionisti in mobilità lavorativa. Anche se per esperienza personale ho visto anche tante persone che non rientravano in queste tipologie, come ad esempio, divorziati, o persone che per vari motivi  sono in cerca di un appoggio provvisorio e non possono permettersi soluzioni molto costose, o che più semplicemente scelgono questo tipo di soluzioni perché non amano vivere da sole. [Tweet "Essere coinquilini può essere un'esperienza bellissima o bruttissima, dipende dal feeling!"] In quali città si possono trovare il maggiore numero di alloggi? Sicuramente  Roma e Milano sono le città principali, perché è qui che si concentrano i principali flussi migratori provenienti dalle altre regioni d’Italia. Questo è ovviamente dovuto alla maggiore offerta di opportunità lavorative e alla concentrazione di strutture accademiche. Ma in generale tutte le principali città universitarie italiane, come ad esempio Bologna, Firenze, Napoli, Torino, Palermo ed altre. RoomUp, vivere da soli, appartamento, giovani, studenti, professionisti, startup RoomUp ha dei vantaggi per gli studenti? In che cosa può interessarli? Credo proprio di sì, ma più in generale per tutti ragazzi in cerca di una stanza. Di fatto, il portale è stato pensato nella logica di salvaguardare soprattutto chi è in cerca di un alloggio, perché si trova nella condizione di dover già affrontare molte spese e in particolare  gli studenti fuori sede che in genere sono finanziati completamente dai propri genitori e non dispongono di molte risorse, possono utilizzare tutte le funzionalità del portale in maniera completamente gratuita e trovare facilmente la stanza o il posto letto di cui hanno bisogno. Qual è il tuo business model? Il sito è gratuito per gli utenti?

Le funzioni base del portale sono gratuite sia per chi offre e per chi cerca ma abbiamo deciso di incentrare il modello di business prevalentemente sull'offerta di questa tipologia di alloggi, perché per molte di queste persone affittare stanze rappresenta una forma più o meno importante di micro reddito. Abbiamo quindi messo a disposizione dei proprietari di casa dei validi strumenti per gestire le proprie strutture e agevolarli nell'incontro tra domanda e offerta, questo a prezzi molto competitivi.

E avete fatto bene :) Infine, quali sono i tuoi consigli per i giovani che cercano un alloggio per l’anno universitario? Perché dovrebbero iscriversi su RoomUp? Per prima cosa scegliete una stanza vicino alla vostra università o al vostro luogo di lavoro, soprattutto nelle grandi città questo vuol dire tanto. Poi mettete tutte le cose in chiaro fin da subito con il proprietario di casa, possibilmente con un contratto di affitto. RoomUp, vivere da soli, appartamento, giovani, studenti, professionisti, startup Una cosa importante secondo la mia esperienza è di conoscere sempre prima le persone con cui si pensa di andare a vivere, perché essere coinquilini può essere un'esperienza bellissima o bruttissima, e questo dipende molto dal feeling che si riesce ad instaurare con gli altri ragazzi della casa. In fine, perché iscriversi a RoomUp.com? Dietro a RoomUp.com non c’è chi sa quale società immobiliare o gruppo di imprenditori, ma ci sono  ragazzi e ragazze che come voi vive in appartamenti in condivisione e che tutti i giorni lavora per offrire un servizio all’altezza delle vostre esigenze. Grazie Carlo, sono degli ottimi consigli :) Andare a vivere lontani da casa è un'avventura importante, prendete dunque il tempo di scegliere bene dove e con chi volete andare a vivere, poi raccontatecelo nei commenti ;) E per aiutarvi nella vostra scelta, non esitate a visitare il sito di RoomUp dove troverete tantissime possibilità di alloggio, da soli o con coinquilini. giovani imprenditori, progetto, social network professionale, studenti, giovani laureati