Startup: 3 step fondamentali per la validazione del tuo progetto

Startup: 3 step fondamentali per la validazione del tuo progetto
Creare una startup può sembrare molto complicato, ma è innanzitutto un’avventura indimenticabile. Fare un passo in avanti, poi due indietro e inversamente senza mai arrendersi, è la forza degli imprenditori. Qualunque sia il tuo settore di attività, devi assolutamente sapere gestire e ottimizzare il tuo tempo e la tua energia. Per aiutarti, Wizbii ti consiglia 3 step fondamentali per la validazione del tuo progetto.

1 – L’idea

Gli imprenditori hanno un sacco d’idee ma per realizzarle serve rigore e soprattutto fare molte ricerche! Poniti le domande giuste…

[Tweet "La tua idea risponde a un vero bisogno del mercato?"]

Poi rifletti alla tua “particolarità” poiché, siamo sinceri, hai probabilmente dei concorrenti o gli avrai molto presto e dovrai essere reattivo. Impara a riconoscere le tue forze e debolezze per potertene servire e farne il tuo valore aggiunto. Non puoi soddisfare tutti… e meno male! Definisci bene il tuo target e proponigli i tuoi servizi. Trova degli early adopters che siano pronti a provare il tuo concetto. Non dimenticarti di ascoltarli… Daranno uno sguardo nuovo al tuo progetto e potranno farti dei riscontri pertinenti affinché possa aggiustare la tua idea. Se sono soddisfatti, non esiteranno a parlarne attorno a loro. “È molto importante che definisci la proposta di valore. Deve spiegare come il tuo concetto risolve i problemi e risponde ai bisogni del cliente. È una promessa fatta al cliente. Quando Airbnb pubblica sul suo sito “Prenota gli alloggi degli host locali in 191 paesi, vivi ovunque come una persona del luogo.” è una promessa. Grazie a questa promessa, il cliente fa quel passo in più.” spiega Freddy Rico, esperto in creazione di startup e web marketing presso 1001startups. idea, startup, imprenditore, imprenditorialità, progetto, validazione

2 – Parlane

Il tuo primo riflesso sarà di parlarne con la tua famiglia e i tuoi amici… Grande errore! Ti diranno probabilmente che è geniale e che ce la farai senza alcun problema. Sfortunatamente, non è vero. Prendi contatto con persone esterne al progetto. Queste persone ti daranno dei riscontri onesti. Per incontrare dei professionisti del tuo settore, anche lì non ci sono segreti, esci! Sì, frequenta serate dedicate al networking, conferenze, startup weekend, ecc. Più proverai il tuo concetto, più avrai l’occasione di migliorarti grazie ai suggerimenti e i consigli di ognuno. Per testare il tuo progetto devi anche creare una landing page, poiché non serve solo parlarne: devi farlo vedere! In questa pagina, dai informazioni semplici e dirette che permettano agli utenti di capire il tuo progetto, rispondendo a domande semplici: cosa, come e perché. Potrai ottenere indirizzi mail di persone potenzialmente interessate. Se ricevi molte mail, non c’è dubbio: passa al prossimo step. “Questo step deve permettere di ottenere maggiori problematiche e collegare il tuo prodotto / servizio alla richiesta reale. Ascolta! Troppi imprenditori fanno l’errore di ascoltare solo quello che li avvantaggi. ”

idea, startup, imprenditore, imprenditorialità, progetto, validazione

3 – Prodotto Minimo Funzionale e Business Model

Il Prodotto Minimo Funzionale è la prima versione del prodotto. Non essere imbarazzato, ci passano tutti! Devi sviluppare una versione del tuo prodotto / servizio che abbia i modi di funzionare principali senza per forza entrare nei dettagli. Si tratta di una versione “manuale” del servizio, prima che sia automatizzato. Ciò ti permette di testarlo, migliorarlo e arrivare a un prodotto perfetto (o quasi). Tieni in mente che devi guadagnare per vivere! Pensa al tuo business model, cioè al modo in cui guadagnerai dei soldi con il tuo progetto. Nella vita di una startup, il business model cambierà sicuramente, ma non dire mai “lo farò più tardi”. idea, startup, imprenditore, imprenditorialità, progetto, validazione “Creare una startup non significa soltanto avere un’idea e lanciarla. Devi comporla, testarla, farla crescere e immaginare un’organizzazione aziendale attorno alla tua idea. Il mio ultimo consiglio per la fase di creazione è di farsi accompagnare da esperti che sappiano consigliarti e suggerirti il metodo ideale per la tua idea”.  Sei un giovane imprenditore con un'idea di startup nel cassetto? Vorresti condividere i tuoi consigli e la tua idea con i lettori del Daily Wiz? Non esitare a contattarci e a commentare l'articolo, saremo felici di far conoscere il tuo percorso :)   giovani imprenditori, progetto, social network professionale, studenti, giovani laureati