Uscire con un(a) collega di lavoro: i vantaggi e gli inconvenienti

Uscire con un(a) collega di lavoro: i vantaggi e gli inconvenienti
È da qualche settimana ormai che ti svegli con il sorriso, felice di andare a lavorare otto ore, soprattutto quando il/la tuo/a super collega passa davanti a te sorridendoti. Con il tempo, dai molta più importanza a questo collega, fai attenzione a com’è vestito, ascolti con attenzione quello che dice e non smetti di sorridere ogni volta che pensi a lui/lei o che l’incroci. Sta nascendo una storia d’amore? Speriamolo! Ma prima di precipitarti e dichiarare il tuo amore, ecco tutto quello che devi sapere se vuoi uscire con un(a) collega di lavoro. Perché sì, incontrare il suo compagno al lavoro è fantastico e ha molti vantaggi, ma anche qualche inconveniente… 

Uscire con un(a) collega: i vantaggi

Sei in gran forma!

Da quando tu e il tuo collega vivete il perfetto amore, non vedi l’ora di andare al lavoro! Ti svegli mezz’ora prima per prendere il tempo di prepararti e curare la tua apparenza, e passi la giornata con il sorriso stampato sulle labbra, accorgendoti a malapena di quello che sta succedendo attorno a te. Sì, è uno dei vantaggi ad avere il suo compagno al lavoro: sei (quasi) sempre felice. Il tuo amore non ti manca più, visto che l'hai quotidianamente con te e la felicità che provi a ognuno dei suoi sorrisi è una sensazione perfetta per lavorare serenamente. amore, lavoro, uscire, collega, relazione, coppia, azienda, partner, impiego, job, compagno, compagna, vita privata, vita professionale, datore di lavoro

Un conforto quotidiano

E anche se ti capita di essere un po’ giù di morale (capita a tutti), non c’è bisogno che ti rifugi in bagno, puoi confidarti con il/la tuo/a partner, che sarà felice di ascoltarti e consolarti. Ti senti subito valorizzato e sicuro di te: qualcuno nell’azienda crede veramente in te e sarebbe pronto a mollare la sua presentazione importantissima per farti ritrovare il sorriso. Che tenerezza!

Sei un agente segreto (quasi)

Per mantenere un po’ d’intimità e non dover svelare tutto ai tuoi colleghi curiosi, non c’è niente di meglio di un codice segreto tutto vostro o delle “private jokes” che solo voi potete capire: ecco come intrattenere la vostra complicità! Gli sguardi discreti, i sorrisi, i bigliettini nascosti… ti piacerà di sicuro giocare questo doppio gioco, e il/la tuo/a partner troverà molto eccitante il fatto che lo chiami “Signore” o “Signora” al lavoro e “cucciolotto/a” nel privato. amore, lavoro, uscire, collega, relazione, coppia, azienda, partner, impiego, job, compagno, compagna, vita privata, vita professionale, datore di lavoro

Una buona comunicazione

La sera, quando vi ritrovate finalmente soli, (no, non immaginarti chi sa cosa…), puoi liberamente parlare del tuo lavoro ed essere sicuro che la persona di fronte a te capisca di cosa stai parlando. Non hai neanche bisogno di raccontare la tua giornata visto che l'avrai già vissuta con la tua metà. Puoi dunque parlare di qualcos’altro, di tutto quello che vuoi al di fuori del lavoro… ci sono tanti argomenti! Ideale per staccare un po’ dal lavoro e concentrarsi sulla propria relazione.

Uscire con un collega: gli inconvenienti

La tua vita privata non è più… privata!

È bello sentirsi ammirati al lavoro, farsi servire il caffè e avere qualcuno su qui sfogarsi ma uscire con un/a collega di lavoro sfortunatamente non è sempre rosa e fiori. Come in ogni rapporto, ci sono degli alti e bassi, soprattutto al lavoro, dove tutti possono essere velocemente informati della tua relazione e immischiarsi nei minimi dettagli della tua vita privata. È dunque abbastanza difficile ma fondamentale che mantenga la tua vita privata… privata e che non ti faccia notare a tal proposito. Infatti, se per sfortuna, tu e il/la tuo partner litighiate o, peggio ancora, vi separiate, tutta l’azienda ne sarebbe al corrente e ne parlerebbe alle vostre spalle. Riceverai i conforti di tutti, anche quelli di Giuseppe del sesto piano che nessuno vede mai e a chi non hai mai parlato, e tutti vorranno sapere perché e come, dandoti il loro consiglio: “Sinceramente, penso che…”. amore, lavoro, uscire, collega, relazione, coppia, azienda, partner, impiego, job, compagno, compagna, vita privata, vita professionale, datore di lavoro

Siete sempre insieme

È l’uno dei grandi inconvenienti dell’uscire con un collega: condividete tutto ma proprio tutto insieme, la vostra vita privata e la vostra vita professionale, e ciò rende difficile di separare i due mondi e di mantenere la vostra vita amorosa privata. Rischi anche di essere stanco/a di stare continuamente con il/la tuo/a partner che vedi tutti i giorni a tutte le ore della settimana… è molto importante avere dei momenti anche per se stessi!

Difficile rimanere neutrali

Avrai anche delle difficoltà se il tuo partner è il tuo superiore gerarchico. Che cosa fare quando si ricevono gli ordini del manager che è anche il partner nella vita di tutti i giorni? Difficile rimanere neutrali. Vale anche per il contrario: non è facile dirigere un team con il/la collega con il/la quale si esce, senza essere soggettivi. Prova dunque, per quanto possibile, a rimanere professionale quando te e il tuo partner siete al lavoro, eviterai i pettegolezzi dei tuoi colleghi e di essere a disaggio quando si tratta di management.

Verdetto: uscire con un/a collega di lavoro, funziona o no?

Beh… dipende dalla coppia, dalla personalità, dal progetto professionale e personale dell’uno e dell’altra, del quadro nel quale evolvete professionalmente, di molti fattori che non permettono di dire se uscire con un collega di lavoro funziona veramente o no. Ma da un punto di vista generale, è perfettamente possibile avere il/la proprio/a partner nell’azienda se si fa bene la differenza tra vita privata e vita professionale. amore, lavoro, uscire, collega, relazione, coppia, azienda, partner, impiego, job, compagno, compagna, vita privata, vita professionale, datore di lavoro Anche se la tua metà condivide il tuo quotidiano, non serve dirlo a tutti quando sei al lavoro. Concentrati sui tuoi obiettivi e sulla tua carriera durante la giornata, avrai tutto il tempo di approfittare liberamente del tuo partner la sera, lontano dai pettegolezzi dei tuoi colleghi. Inoltre, sarebbe un peccato che il tuo datore di lavoro si ricorda di te come quello/a che usciva con quell’altro/a durante il suo stage. Fatti notare per i buoni motivi, quelli che ti permetteranno di ottenere il lavoro! E riguardo alla storia con il/la tuo/a collega, intrattienila, anche al lavoro pur rimanendo professionale al momento giusto. Qual è la tua opinione sulle relazioni al lavoro? È una buona cosa secondo te lavorare con il/la proprio/a partner? Che cosa consigli per questo genere di situazioni?  giovani imprenditori, progetto, social network professionale, studenti, giovani laureati