Il V.I.E (Volontariato Internazionale in Impresa) un’opportunità da scoprire!

Il V.I.E (Volontariato Internazionale in Impresa) un’opportunità da scoprire!
Lavorare all’estero vi ha sempre fatto sognare? Siete giovani e vi piacerebbe sviluppare le vostre competenze internazionali? Allora il V.I.E è sicuramente adatto a voi! Ancora molto sconosciuto fuori dei confini della Francia, il V.I.E è LA soluzione per lanciare la vostra carriera internazionale. Questo programma è stato creato dallo Stato francese nel 2000 con l’obiettivo di valorizzare il “Savoir-Faire francese” all’estero e favorire lo sviluppo internazionale delle aziende francese nel mondo. Dalla sua creazione, ci sono stati più di 50.000 volontari mandati 132 paesi diversi.

Il V.I.E, in cosa consiste?

Il VIE offre la possibilità di compiere un’esperienza lavorativa all’estero, per una durata compresa entro sei o ventiquattro mesi. Il programma è aperto a tutti i giovani di meno di ventotto anni, selezionati dalle aziende per aiutarle nel loro sviluppo internazionale. Le missioni possono essere di diversi tipi: studio di mercato, prospezione commerciale, aiuto a una squadra locale all’esecuzione di un contratto o di un cantiere... V.I.E, esperienza, estero, lingue, opportunità, carriera, lavoro, studenti, università, viaggiare, indipendenza, lingua

Cosa lo rende così popolare?

Il V.I.E comprende molti vantaggi sia per l’azienda, che per il volontario stesso. Beneficiando di sostegni finanziari ma soprattutto di un aiuto per la selezione e l’accompagnamento del giovane, le aziende disposte a firmare un contratto V.I.E sono sempre più numerose ogni anno. Il V.I.E offre molti vantaggi sopratutto ai giovani:
  • Une protezione sociale completa
  • Un’indennità defiscalizzata
  • Un aiuto amministrativo e giuridico per il trasferimento
  • Il rimborso delle spese di viaggio
  • E cinque settimane di vacanza l’anno
È l’indennità del volontariato che motiva principalmente un giovane. Assicurando una parte fissa di 715€, l’indennità offre anche una parte variabile, potendo superare i 1000, 2000 o anche 3000€ in certi casi estremi. La parte variabile è calcolata a secondo la zona geografica della missione e consultabile su Civiweb . V.I.E, esperienza, estero, lingue, opportunità, carriera, lavoro, studenti, università, viaggiare, indipendenza, lingua Ciononostante, il vero vantaggio del V.I.E è altro. Spesso considerato come una rampa di lancio verso una carriera internazionale, il V.I.E è una vera opportunità. L’inserzione professionale dei giovani dopo il VIE è incoraggiante: 68% dei volontari è impiegato nell’azienda subito dopo la missione e 92% trova comunque un lavoro meno di un anno dopo. Allora cosa aspettate? Clémence, ex-studentessa di Paris-Dauphine è arrivata a Roma in 2013 per sviluppare l’attività commerciale di una PMI francese sul mercato italiano. Oggi, ha trovato lavoro nella stessa azienda. “Lavorando per una piccola azienda, ero l’unica dipendente mandata sul territorio italiano. Ho dovuto creare tutto da sola e penso che sia giusto essere la prima impiegata in Italia dopo il mioV.I.E. Sono contentissima di questa esperienza, che mi ha permesso di sviluppare la mia autonomia e le mie capacità di adattamento in un ambiente internazionale.”

Come integrare questo programma?

Fare domanda per un V.I.E è molto semplice. Serve semplicemente entrare sul sito ufficiale e creare il profilo on-line: www.civiweb.com. Tenete in mente che solo le persone essendo cittadini dell’UE e avendo un’età compresa tra 18 e 28 anni possono registrarsi. Non esiste un diploma minimo per candidarsi ma 94% dei volontari selezionati ha al minimo una triennale e 82% una specialistica o un master. Xavier, 27 anni, arrivato 10 mesi fa a Milano per lavorare in una banca francese, spiega ciononostante che il diploma non fa tutto: “Esistono un sacco di siti internet che vi danno dei consigli per aiutarvi a presentare una candidatura originale e notevole. Concordo sul fatto che essere laureato di una grande università o di sapere parlare diverse lingue aiuta per forza nella ricerca, ma non fa tutto. Trovare il suo V.I.E ideale non è facile per nessuno. Dovete essere ostinati! Ho messo più di sei mesi a trovare il mio V.I.E e non parlavo nemmeno l’italiano quando mi hanno contattato per la missione. Penso avere fatto buona impressione grazie alla mia grande motivazione e forse a un po’ di fortuna.Clara, 25 anni è arrivata 4 mesi fa anche lei a Milano e concorda con Xavier: “Come nella ricerca di lavoro in generale, la rete professionale è un fattore importante poiché tanti candidati selezionati sono stati raccomandati da qualcuno.V.I.E, esperienza, estero, lingue, opportunità, carriera, lavoro, studenti, università, viaggiare, indipendenza, lingua È dunque consigliato, prima d’arrivare in un paese nuovo in cui non si conosce nessuno, di sviluppare la propria rete di contatti, tramite social networks professionali, come Wizbii ovviamente ;) Circa 25% dei volontari trova il proprio V.I.E grazie ad una candidatura spontanea. Tutte le aziende francesi non conoscono ancora il programma e se siete in grado d’identificarne una con un progetto di sviluppo internazionale potrete suggerirli il V.I.E. È un ottimo modo di dimostrare la vostra capacita a progettarvi nell’impresa. Il V.I.E è dunque una vera opportunità per i giovani che vorrebbero lavorare all’estero! Le possibilità sono molte e valgono sicuramente la pena di essere provate. Poche sono le candidature provenienti dall’estero, ragione per la quale i selezionatori fanno spesso fatica a trovare dei profili parlando lingue straniere. Sapendo che l’Italia è il secondo partner economico della Francia ma che solo pochissimi studenti scelgono d’impararlo, avete tutte le vostre chances!