wineOwine: "Fare startup non è un lavoro partime o fulltime... ma full life!"

wineOwine: "Fare startup non è un lavoro partime o fulltime... ma full life!"
A volte, una semplice cena con un amico può cambiarti la vita. Un’idea brillante nasce stappando una bottiglia di vino, e prima che ve ne rendiate conto, tu e il tuo amico state già scambiando gli obiettivi del vostro futuro business. Beh, per Federico e il suo socio in affari, Eros, è andata (più o meno) così (e c'erano pure le bottiglie di vino...). Questi due brillanti ragazzi sono i founders di wineOwine, la startup italiana che permette a chiunque di scoprire grandi vini di piccole cantine. Adatto a tutti gli appassionati di vino e disponibile solo in Italia, wineOwine è in piena crescita e conta più di 15 persone nel suo team. Ma all’inizio, Federico non aveva previsto di lavorare nel settore vinicolo… Oggi, la sua startup è una realtà sorprendente, un lavoro al quale dedica tutto il suo tempo, la sua energia e la sua passione. Incontro con un giovane imprenditore promettente! Buongiorno Federico. Prima di tutto, puoi parlarci del tuo percorso? Sono cresciuto in una famiglia di vignaioli e ho acquisito competenze di produzione e promozione del vino per osmosi. Dopo una laurea triennale a Padova in Economia Aziendale e un Erasmus in Finlandia ho affrontato un percorso di doppia laurea in Business and Administration in Svezia e Germania. Nel 2012, terminata l’università, è arrivata l’idea di wineOwine. Cos’è wineOwine? E come funziona ? È un portale che permette agli appassionati di vino di scoprire ed acquistare vini introvabili scelti fra i migliori produttori artigianali italiani. Aiutiamo le piccole cantine a farsi conoscere raccontando le loro storie e gli appassionati di vino a scoprire vini unici e vivere esperienze indimenticabili. Wineowine, startup, imprenditore, imprenditorialità, progetto, innovazione, vino, enologia, prodotto, marketing, comunicazione Cosa ti ha convinto a creare la startup? Com’è nata questa idea? L’idea è nata ad una cena con il mio co-founder Eros. In quella cena nel 2012 avevamo stappato bottiglie che avevo acquistato da un piccolo produttore. Qualità pazzesca ma ci siamo resi conto che se non ci fossimo recati direttamente presso la cantina non avremmo avuto modo di acquistare quelle bottiglie. Abbiamo quindi pensato che quel problema dovevano averlo molti altri produttori e molti consumatori. Lavorare nel settore vinicolo è sempre stato il tuo obiettivo professionale? T’interessi all’enologia? Assolutamente no. Non volevo lavorare nella cantina di famiglia e ovviamente non immaginavo di finire a lavorare nel vino, ma è un settore che mi piace, soprattutto perché c’è tanto da innovare. Sembrerà un po’ da vecchi parlare così, ma con tutte le tecnologie che esistono oggi e l’importazione di qualsiasi prodotto dal mondo intero, deve essere bello promuovere prodotti italiani, di produttori artigianali, no? Che sensazione ti procura il fatto di fare conoscere produttori locali? E’ fantastico parlare con i nostri produttori e sentirsi dire che stiamo facendo un lavoro straordinario, che gli stiamo rendendo la vita più facile perché gli permettiamo di vendere rapidamente molte bottiglie di vino e facciamo conoscere le loro cantine. Wineowine, startup, imprenditore, imprenditorialità, progetto, innovazione, vino, enologia, prodotto, marketing, comunicazione wineOwine ha più di 13k followers su Facebook. Secondo te, a cosa devi questo successo? Penso che il successo lo faccia il fatturato e non i fan su Facebook. Quello cresce perché abbiamo clienti fidelizzati che adorano il nostro servizio e i nostri prodotti. Che riscontri hai del progetto? Globalmente, piace al tuo target? In Italia il progetto è molto apprezzato sia dai consumatori che dai produttori. La tua startup è in parte nata grazie all’incubatore Luissenlabs dell’università Luiss. Puoi parlarci un po’ di più di quest’incubatore? In cosa vi ha aiutati? Nello strutturare il business, creare il team e... trovare i soldi ;) Ha molti vantaggi, sopratutto l’aiuto a 360° e la visibilità. Quali sono i vantaggi a essere imprenditore? Gli inconvenienti? E stato facile sviluppare il progetto? Sicuramente gestisci la tua vita in maniera diversa ma si lavora h24 365 giorni all’anno, tante responsabilità e ovviamente i ritorni non sono assicurati. Wineowine, startup, imprenditore, imprenditorialità, progetto, innovazione, vino, enologia, prodotto, marketing, comunicazione Quali consigli daresti ai giovani imprenditori che vorrebbero lanciarsi? Rischiate, non ci pensate 2 volte e date tutto. Questo non è un lavoro partime o fulltime... ma full life!!!! È un bellissimo consiglio! Grazie Federico per averci fatto conoscere wineOwine e per averci condiviso la tua esperienza di startupper! Se siete anche voi degli appassionati di vino, alla ricerca di vino unico creato da produttori artigianali, scoprite il concetto sorprendente di questa startup: wineOwine Volete anche voi fare conoscere la vostra startup o il vostro progetto ai nostri lettori? Contattateci e saremo felici di condividere la vostra esperienza, il vostro percorso e i vostri consigli sul Daily Wiz :) giovani imprenditori, progetto, social network professionale, studenti, giovani laureati